A Konnubio l’affascinante mostra dell’artista Umi Amanuma

Ceramica-Cobalto-Lorenzo-Michelini-Fotografo-Still-life-design-gioielli-001A Konnubio l’affascinante mostra dell’artista Umi Amanuma

Dal 18 giugno al 18 settembre
a Konnubio
la mostra dell’artista
Umi Amanuma
Un viaggio affascinante che parte dal Giappone e arriva in Italia,
con protagonista l’arte della ceramica

In collaborazione con Keep Art ed il progetto Gusto Visivo

Konnubio via dei Conti 8 R – Firenze

Il progetto Gusto Visivo, promosso dall’associazione culturale Keep Art, porta ancora a Konnubio una mostra d’eccezione, questa volta firmata dall’artista giapponese Umi Amanuma che a Firenze con le sue mani disegna nell’argilla le strade del suo viaggio: 25 anni di manipolazione, che la riportano dall’infanzia all’oggi, con incisioni e segni sferici casuali che rappresentano i momenti felici della sua vita.

La ricerca di Amanuma è un incontro di forme, segni e colore, che con eleganza mostra oggetti moderni provenienti da un’arte antica, ed è anche kintsugi – pratica giapponese che consiste nell’utilizzo di oro o argento liquido o lacca con polvere d’oro per la riparazione di oggetti in ceramica – che regala opere di rara bellezza che hanno saputo trasformare una ferita in una forma di perfezione estetica interiore.
Da tutto questo nasce una mostra luminosa e raffinata che riempie le armoniose sale di Konnubio, noto ristorante fiorentino nel cuore pulsante della città.

La mostra, ad ingresso gratuito, è visibile ogni giorno, dalle 7.30 fino a mezzanotte, presso il ristorante Konnubio in Via dei Conti 8r a Firenze dal 18 giugno al 18 settembre.

Konnubio

Konnubio è bar che apre le porte fin dalla mattina, offrendo colazioni al banco, per chi ha poco tempo, oppure a buffet, per chi vuole godersi il risveglio in pieno relax, con una scelta di dolci e piatti salati home made.
Konnubio è ristorante, con una formula più smart per il pranzo, ed una più articolata per la sera. Konnubio è pausa pomeridiana, con the, infusi, dolci e tanto altro con cui rilassarsi. Konnubio è wine & cocktail bar, attento sia alla selezione dei vini, sia a quella degli spirits ed alla loro mixology.
Konnubio è anche spazio eventi, grazie anche alla sua ampia cantina, appena ristrutturata, che offre un ambiente magico ed unico dove poter organizzare cene, degustazioni, feste, compleanni o ricorrenze speciali.
La cucina è nelle mani premurose della nota chef Beatrice Segoni, cuore del locale, che propone piatti mai scontati e personali, dove forti sono le contaminazioni toscane, e leggiadre quelle marchigiane, che ricordano le sue origini, mentre al timone della cantina c’è Simone Loguercio, eletto quest’anno dall’AIS Migliore Sommelier d’Italia.

Per maggiori informazioni: Sito Konnubio

Keep Art, con sede a Firenze, è un’associazione culturale che realizza mostre ed eventi di arte contemporanea.

Per maggiori informazioni: Sito Keep Art

Ufficio Stampa

Roberta Perna Comunicazione Enogastronomica
mail – Tel. 329 9293459

Danze di Corte – Corso Auser Università Popolare di Cremona

45522233_2179285555424118_9185866355201540096_nDanze di Corte – Corso Auser Università Popolare di Cremona

Da 26 novembre 2018

Ciclo di 10 lezioni di danza quattrocentesca, per coloro che desiderano immergersi nel passato, in un mondo popolato da dame e cavalieri dove le danze erano parte integrante della vita del popolo.
Organizzato con la collaborazione della compagnia di rievocazione storica Gli Allegri Viandanti.
QUANDO: da Lunedì 26/11/2018 – 20.00 /21.30
DOVE: C/O sede Auser Unipop Cremona – Via Brescia, 207
COSTO: 25€ (prezzo speciale) + 22€ di tessera associativa Auser Unipop Cremona

pin

Auser Unipop Cremona
Via Brescia, 207, 26100 Cremona

Festival Danza Estate 2014 Bergamo

Festival Danza Estate 2014 Bergamo

Dal 4 maggio al 3 luglio 2014

Grande kermesse
Appuntamento dedicato delle arti performative
Unica rassegna dedicata alla danza contemporanea della città di Bergamo

Corso di Danze Popolari – Cremona (CR)

Giovedì 10 ottobre 2013

Il 17 ottobre inizia il corso di Danze popolari.

Si tratta di balli popolari individuali, in coppia e collettive del repertorio di musica tradizionale. Impareremo a muoverci a passo di danza sulle musiche del repertorio folk europeo, dalla Bretagna alla Guascogna, passando dalle Fiandre, dal Poitou, dalla valli Occitane e dall’Auvergne fino a giungere ai confini del Salento. Tra le danze popolari ci saranno gli scottish, i valzer, le gavotte, le bourrè, le pizziche, le tammuriate,… Sarà una piacevole occasione per stare in compagnia e assaporare il gusto dei concerti e delle feste di musica tradizionale. 

Il corso sarà preceduto da una lezione di prova (gratuita) con musica dal vivo il 10 ottobre 2013 alle 21.00. Il secondo modulo sarà in primavera 2014. 

 

La durata è di 6 lezioni da 1 ora e mezza, il giovedì dalle 21 alle 22.30.

 

Il corso parte con un minimo di 16 iscritti e NON è necessario partecipare in coppia (ma c’è bisogno di uomini!). 

Il costo è di 30 euro.

 

Iscrizioni presso “Auser Università Popolare” in via Mantova 25 a Cremona

L’ufficio è aperto lunedì, mercoledì e venerdì dalle 14.30 alle 18.00

tel 0372.448678

www.libereta.e-cremona.it

unipop.cremona@auser.lombardia.it

 

Auser Insieme Università Popolare Cremona

via mantova 25, 26100 Cremona

Seminari di Tango e Vals – Milonga(VR)

Sabato 21 settembre 2013

La scuola di danza VAGANOVA DANCE SCHOOL (VERONA)
in collaborazione con
ALMA PORTEÑA (BRESCIA)

presenta:

SEMINARIO DI TANGO E MILONGA
21 e 22 Settembre 2013

SEMINARIO DI TANGO E VALS
5 e 6 Ottobre 2013

I seminari sono proposti per conoscere e approfondire la musicalità e la ritmica delle diverse orchestre nel Tango, nella Milonga e nel Vals.
Ciascuna classe sarà dedicata ad uno specifico tema, sul quale verranno proposte e sperimentate diverse varizione ritmiche, in relazione all’interpretazione personale e musicale. Le lezioni saranno divise in due livelli (principianti/base e intermedio/avanzato) e saranno tenute da ELEONORA RIVETTI e CLAUDIA ROSSI.

In occasione del seminario la scuola ospiterà, Sabato 21 Settembre, i partecipanti allo stage e tutti coloro che vorranno unirsi per una notte di milonga.
Selezione musicale a cura di Paolo Persiani.
Ingresso € 8 comprensivo di consumazione libera.

IL PROGRAMMA DEI SEMINARI:

SEMINARIO DI TANGO E MILONGA
Sabato 21 Settembre
15.30/17.00 Tango principianti/base
17.00/18.30 Tango intermedio/avanzato
Domenica 22 Settembre
15.30/17.00 Milonga principianti/base
17.00/18.30 Milonga intermedio/avanzato

SEMINARIO DI TANGO E VALS
Sabato 5 Ottobre
15.30/17.00 Tango principianti/base
17.00/18.30  Tango intermedio/avanzato
Domenica 6 Ottobre
15.30/17.00 Vals principianti/base
17.00/18.30 Vals intermedio/avanzato

COSTI:
1 LEZIONE € 20
2 LEZIONI € 35
3 LEZIONI € 50
4 LEZIONI € 70

I seminari si svolgeranno presso:
VAGANOVA DANCE SCHOOL
Via Tonale 7 – 37126 – VERONA

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI:
333.3725971 (Vaganova) – info@vaganova.it
347.5067076 (Alma Porteña) – almaportena@gmail.com

www.almaportena.it
www.vaganova.it

Eleonora Rivetti, Claudia Rossi e Franco Raffo (soci fondatori dell’Associazione Alma Porteña di Brescia) lavorano dal 1995 nel settore del Tango Argentino. Alma Porteña è il nome scelto per diffondere una cultura così ricca e piena di tradizioni come è il Tango. Questo nome significa “Anima di Buenos Aires” perchè il tango è danza, cultura, musica, parole e poesia, è rispetto e tradizione, socialità e storia. L’obiettivo è promuovere e diffondere il Tango in ogni sua forma. L’Associazione propone corsi di Tango per tutti i livelli, stages di approfondimento con i propri Maestri e con Maestri ospiti internazionali, eventi culturali legati al Tango, spettacoli musicali e concerti.
Dal 2006 l’Associazione promuove inoltre la Tradizionale Milonga Alma Porteña, un luogo speciale dove il tango prende vita. Un appuntamento settimanale per chi desidera ballare in un ambiente dove si mantengono vive le abitudini, gli usi ed i “codigos” delle milongas più antiche e tradizionali di Buenos Aires.

Vaganova Dance School, Via Tonale 7, Verona.

La danza – MA 2000

corsidanza.jpgLa danza è definita, da Curt Sachs: la madre delle arti.

La danza si è sviluppata storicamente come una disciplina essenzi
almente di tradizione “orale”, non scritta, basata sull’apprendimento diretto delle sue tecniche e dei suoi principi, sulla trasmissione da maestro ad allievo dei modi, dello stile, e sulla memorizzazione del repertorio coreografico. Nelle più antiche civiltà essa rappresenta sempre un’esperienza determinante nella vita di gruppo sociale. L’uomo primitivo esprime danzando ogni fondamentale avvenimento comunitario: nascite, morti, matrimoni. La danza primitiva è danza guerriera, danza magica, danza sacra, danza della fertilità. La comunicazione avviene tramite i movimenti significativi del corpo: è dunque un linguaggio il cui strumento è il gesto. Ma la danza non è soltanto comunicazione gestuale: essa consiste innanzitutto in un movimento ritmico, in quanto il corpo umano che danza segue sempre un determinato ordine cinetico, che si svolge in rapporto al tempo e allo spazio.

Una persona che danza modella le forme del suo corpo nello spazio per dire, suggerire, affascinare. L’autore di una danza seleziona alcuni movimenti fra tutti quelli che il corpo è in grado di eseguire e li concatena, così come un poeta sceglie le proprie parole ed il loro accostamento.

La danza teatrale occidentale, vale a dire la manifestazione spettacolare di quest’arte, concepita e strutturata per essere rappresentata di fronte ad un pubblico, nella storia della cultura europea di quattro secoli si è per lo più identificata con la forma classica del balletto: un genere che ha assunto una fisionomia specifica sia dal punto di vista dei moduli di movimento adottati (la tecnica accademica del balletto) sia dal punto di vista strutturale (una certa concezione del disegno coreografico, del rapporto danza – scenografica) sia infine dal punto di vista delle tematiche affrontate (i contenuti favolistici, i temi d’evasione della realtà). È importante osservare, che soltanto ai primi del Novecento, esso è stato messo in discussione da quella corrente di rinnovamento della danza teatrale che va sotto il nome di “danza moderna”. La tedesca Loie Fuller e le americane Isadora Duncan e Ruth Saint-Denis si proclamano artiste a pieno titolo e rifiutano che la danza sia ridotta ad elemento decorativo nel contesto di balletti il cui unico obbiettivo è abbagliare il pubblico con grandiosi allestimenti. Inoltre, indipendentemente l’una dall’altra, ciascuna delle tre elabora uno stile di danza senza legami con i movimenti codificati della danza accademica. Le diverse esperienze delle danzatrici moderne possono essere inserite in una corrente unitaria, per via delle origini che le accomuna: vale a dire la medesima volontà di ricerca di moduli espressivi originali, al di là degli schemi statici e artificiosi imposti dalla lunga tradizione del balletto classico. La leggendaria figura di Isadora Duncan è da sempre associata all’idea stessa di una danza libera da schemi precostituiti. Gli assoli che questa innovatrice creava per se stessa traevano ispirazione direttamente dalla sua personale visione della vita e dal suo profondo rispetto per l’essere umano. L’abbigliamento di scena adottato dalla danzatrice americana è un ulteriore segno della rottura con l’ingombrante passato: i tutù e gli strettissimi corsetti sono sostituiti da una tunica quasi trasparente che segue morbidamente, senza costringerle, le forme del corpo. Inoltre ella danzava a gambe e piedi nudi, o con leggeri sandali. Mentre l’alzarsi sulle punte della ballerina accademica simbolizzava il suo appartenere a una realtà immateriale, l’americana, accentuando il proprio contatto con il suolo, afferma la reciproca appartenenza tra il pianeta terra e il genere umano. Vi è dunque una tendenza continua a restituire al corpo la sua reale dimensione di libera creatività: e questo significa, innanzitutto riconoscerne il valore di realtà essenziale che si definisce e si esprime in un tutto con l’interiorità.

MA 2000 propone corsi di danza di ogni stile: classica, moderna, modern-jazz, contemporanea e hip hop. In aggiunta a questi propone corsi di livello per discipline agonistiche e sportive come swing – boogie woogie e disco dance.

Gli insegnanti sono tutti qualificati, con molta esperienza sia a livello artistico-professionale sia nell’ambito dell’insegnamento didattico delle discipline proposte. La loro passione riesce a coinvolgere tutti gli allievi facendo loro comprendere la vastità del mondo della danza e le sue infinite sfaccettature.

MA 2000 è la prima scuola in Italia a offrire l’oppurtunità di ottenere una certificazione di NATIONAL DIPLOMA (Level 3 U.E.) così come BACHELOR of ARTS (Level 6 U.E.) nella Danza, titoli spendibile a livello europeo. Oltre a questi corsi certificati vi è la possibilità di seguire corsi accademici non riconosciuti, quindi senza l’impegno del conseguimento di un titolo.

MUSICACADEMY, VIA TORQUATO TASSO 13, TEL. 051-6313706, BOLOGNA

Sabine Parzer Fabie

E’danzatrice, coreografa, insegnante di danza/movimento olistico e lavora con la danza terapia. Nata e cresciuta a Vienna, Austria, vive all’estero dieci anni (USA e Germania). A Chicago aquisisce il bachelor d’arte in danza moderna e lavora come danzatrice per diverse compagnie tra cui Mordine & Company Dance Theatre.Le sue coreografie e strutture improvvisative sono state presentate a Chicago, New York, San Francisco, Vienna, Berlino, Budapest, Messico, Rio de Janeiro, Mosca e molte altre citta’. Sabine ha insegnato a persone di eta’ dai 2 ai 92 improvvisazione, tecniche di release e danza olistica , contact improvisation e movimento autentico (ha tenuto corsi intensivi durante Impulstanz Vienna, Tanzquartier Wien, Israeli Contact Festival, Kontaktbudapest, Poland Contact Improvisation Festival, Freiburg Contact Festival, Moscow International Contact Festival, Barcelona Nomad Festival, Osterimpro Göttingen,…).

Dal 1999 insegna danza e movimento in Austria presso un centro riabilitativo per persone con problemi neurologici e con traumi dovuti ad incidenti stradali o incidenti sul lavoro. Sabine pratica privatamente Systemische und Integrative Bewegungslehre® (un estensione del metodo Feldenkreis) e ZenBodytherapy®.

Nel 2010 Sabine fonda l’istituto di danza olistica e pedagogia del movimento, uno spazio per lo scambio nel campo della danza olistica nel quale offre dei programmi di formazione di insegnanti, approfondimenti per dottori, terapeuti, artisti e pedagoghi

Nel 2010 Sabine fonda l’istituto di danza olistica e pedagogia del movimento, uno spazio per lo scambio nel campo della danza olistica nel quale offre dei programmi di formazione di insegnanti, approfondimenti per dottori, terapeuti, artisti e pedagoghi

Contact improvisation

Contact improvisation, lavoro sul corpo, improvvisazione autentica, sviluppo del movimento per danzatori con abilita’ improvvisative di base.

Authentic Movement

Authentic Movement (AM) è una pratica di ascolto degli impulsi profondi del movimento, attraverso corpo e voce, ad occhi chiusi.

Chi è in movimento, viene guardato da un testimone che focalizza la sua attenzione sulle sensazioni individuali. In seguito vi è un momento di condivisione e scambio delle proprie esperienze.

AM è un metodo che viene utilizzato nella danza terapia così come nel processo artistico che offre uno sguardo negli strati più profondi di sé stessi e una nuova possibilità di sperimentare la propria fisicità, i propri stati emozionali e onorare il qui e ora attraverso la danza.

Stage di percussioni e danza afro – Cremona (CR)

Dal 16 ottobre al 03 dicembre 2011
 
Centro Sociale Culturale Arci
Via Speciano, 4
Cremona (CR)

STAGE DI PERCUSSIONI E DANZA AFRO
 
domenica 16 ottobre 2011
domenica 13 novembre 2011
sabato 3 dicembre 2011
 
dalle 13:30 alle 15:30 – percussioni
dalle 16:00 alle 18:00 – danza afro
 
per iscrizioni e informazioni:
Elena: 329 7792549
circolo.arcipelago@gmail.com
 
Uno degli obiettivi del gruppo African Griot è mantenere viva la tradizione della musica e della danza sabar/djembè.
Oltre a concerti e tournée, il gruppo, guidato da Balla Nar Ndiaye Rose, organizza stage di percussioni e danza tradizionali.
 
LUOGOCOMUNE
Centro Sociale Culturale Arci
Via Speciano, 4 – Cremona
stage riservati ai soci Arci 2011
 
flyer: http://img18.imageshack.us/img18/9469/percussionidanzafro.jpg

Un week end … in Salsa Caraibica

Noi del Salsa Week-end  a partire da ottobre Promuoviamo uni iniziativa per chi vorrebbe trascorrere un fine settimana, dal venerdì alla domenica nell’insegna della buona musica Caraibica da ascoltare ma sopratutto da ballare (Salsa – Bachata  – Merengue  – Reggaeton – Rueda De Casino  ) in tre diversi paesi di cui Taormina – Giaridni Naxos  – Riposto (Sicilia) nei migliori Pub e Lounge ba del posto….  

Le serate li diversifichiamo cosi:
VENERDI > MISTO ( TIMBA CUBANA – BACHATA – MERENNGUE)
SABATO > LATINO (HOUSE Y LATIN DISCO)
DOMENICA > SALSA CLASSICA

CON SOLO 100 EURO A PERSONA PER 3 GIORNI COMPRENDE:
3 NOTTI CON COLAZIONE E PRANZO…

Per info solaris20@hotmail.it

 

El caminito del Pioniere Corsi di salsa cubana base – Borgoricco (PD)

Mercoledì 21 settembre 2011

Al pioniere Pub
Via Straelle  103
Borgoricco (PD)
Infoline 347-1674940

DA SETTEMBRE e in collaborazione con LOS MALANGUEROS e KALISPERA STAFF per gli amici appassionati di Salsa partono i NUOVI CORSI DI SALSA CUBANA BASE. A seguire serata latina con i migliori DJ, nuova situazione stagione 2011-2012 MOLTO ACCATTIVANTE… Parola di LOS MALANGUEROS!!.

Dance & Wine Un’emozione da vivere Perugia (PG)

Venerdì 22 luglio 2011

Country House
La Collina
via Dottori, 42
Perugia (PG)

Si svolgerà venerdì 22 luglio 2011 alle ore 20.00 presso il Country House “La Collina” (www.countryhouselacollina.com – tel. 075.5292144) in via G. Dottori, 42 a Perugia, “Dance & Wine” inedito appuntamento enogastronomico in un abbinamento “inusuale” al vino di qualità.

L’evento, organizzato dalla società Eventi DOP di Perugia (www.eventidop.com), prevede l’esibizione di due coppie di ballerini professionisti, che mostreranno quattro balli latino americani e caraibici, abbinati per la prima volta ad un vino, a un gustoso menù e a brani di autori letterari della stessa nazionalità del ballo presentato.

I vini degustati e presentati durante la serata saranno quelli della Cantina “Rialto” di Montefalco (PG) viale della vittoria, 48 (www.casalerialto.com – tel. 0742.379674).

“Il vino è stato scelto in base alla struttura del brano musicale selezionato” afferma Alessandra Casagrande titolare della Eventi DOP. “La serata, inizierà con un Merengue al quale sarà legato il Grechetto giovane “La Pirusella”, per poi proseguire un Mambo abbinato al Rosso di Montefalco “Noé Briante. Si prosegue con la passione della Rumba congiunta al Sagrantino di Montefalco Secco “Le Pergole” che precederà l’allegro Samba e il Sagrantino di Montefalco Passito “Il Cerusico”.

Mentre sarà in corso l’esibizione dei ballerini, verrà servito il seguente menù costituito da quattro portate, dall’antipasto al dolce:
–    aperitivo di benvenuto;
–    cornetti di bresaola nera con caprino aromatizzato;
–    risotto con cacciagione e tartufo nero su cesto croccante;
–    spiedoni di carne flambé e sformatino di spinaci;
–    zeppola con ricotta e frutti di bosco.

La serata sarà presentata da Ennio Baccianella, già conduttore del Premio Acquavite Italia svoltosi a gennaio u.s. a Perugia, che descriverà di volta in volta gli abbinamenti proposti.

Alla fine dello spettacolo il divertimento continua con la musica e la voce di Ermanno e Stefania e i presenti potranno ballare nella sala messa a disposizione dalla struttura ricettiva.

“Desideriamo proporre un modo nuovo di trascorrere una piacevole serata” continua Alessandra Casagrande, “in particolare agli appassionati di ballo e di enogastronomia. Gastronomia, musica, ballo e degustazione di vini, offerti in unico appuntamento, per vivere un’emozione difficile da dimenticare e da riscoprire ogni volta che si partecipa a Dance & Wine”.

Quello di Perugia è solo il primo di una serie di incontri in programma nella Regione Umbria e cominciano ad arrivare domande anche da altre località.

Chi desidera partecipare, al costo di 45,00 euro a persona, o avere maggiori informazioni può scrivere a info@eventidop.com o telefonare al 338.9676936. Per gruppi composti minimo da dieci persone un ingresso è omaggio. La prenotazione é obbligatoria. Posti a disposizione limitati.

Le Scuole di Ballo che desiderano farsi conoscere e le strutture ricettive e ristorative che intendono ospitare “Dance & Wine”, possono contattare l’organizzazione al 338.9676936.

Tango – Mi passion

9 giugno 2011

Ore 21

Spettacolo di danza
Associazione Tango Club Cremona
Ingresso libero

Società Filodrammatica Cremonese
Piazza Filodrammatici 2
Cremona (CR)
Telefono 0372 21519

Rassegna La danza 2011 Ballet Victor Ullate Comunidad De Madrid – Cremona (CR)

Domenica 17 aprile 2011

Costumi eccentrici, scenografia futurista formata da specchi e ingranaggi, ma soprattutto la danza perfetta e pura della compagnia sono i protagonisti di Coppelia del Ballet Victor Ullate Comunidad de Madrid, uno spettacolo da non perdere in scena domenica 17 aprile (ore 21.00) al Teatro Ponchielli .

Teatro Ponchielli 
Cremona (CR)

I biglietti sono in vendita alla biglietteria del Teatro, aperta tutti i giorni feriali dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 19.30 (tel 0372.022001/02) – info@teatroponchielli.it –www.teatroponchielli.it

biglietti: posto unico numerato € 20,00.

Ballet Victor Ullate Comunidad De Madrid

direttore generale Victor Ullate

direttore artistico Eduardo Lao

COPPELIA

libretto Charles Nuitter e Artur Saint-Léon

da un testo di E.T.A. Hoffman

musica Lé0 Delibes

coreografia Eduardo Lao

ballerine Ksenia Abbrazova, Natalia Arregui, Zara Calero, Leyre Castresana, Sophie Cassegrain, Renata Commisso, Yolanda Correa, Arianne Lafita, Diana Miqueo, Ma José Redelico, Reika Sato, Sabrina Wehner

ballerini Alexander Abdukarimov, Dorian Acosta, Gianluca Battaglia, Guillem Brull, Jean – Blaise Druenne,

Matthew Edwardson, Oliver Edwardson, Wang Hao, Jonathan Luján, Yassaui Mergaliev, Yester Mulens, Javier Lozano

Il coreografo ha lavorato mantenendo la partitura originale creata da Léo Delibes nel 1870 .

Tuttavia viene alterato il libretto originale di Charles Nuitter, basato sul racconto di E.T.A. Hoffmann, allo scopo di renderlo più vicino al pubblico odierno; infatti la storia é ambientata in un laboratorio cibernetico d’intelligenza artificiale, in cui il nuovo Doctor Coppelius studia la fabbricazione d’un androide totalmente femminile sia nei movimenti che nel comportamento.

ATTO I

In un laboratorio cibernetico di robotica, dove il Doctor Coppelius studia la creazione di un rivoluzionario androide con movimento e comportamento totalmente femminile, Coppelia è il miglior prototipo da poter presentare in società.

Il giovane Franz, appassionato di fotografia, è incaricato della manutenzione degli impianti dei vari robot e mentre Betty, Rosi e Andreina – le tre ragazze addette alle pulizie – giocano nel lusso e nel glamour dei prototipi della nuova donna androide, Franz riesce a fotografare Coppelia.

L’ossessione del Doctor Coppelius di umanizzare i suoi androidi s’acuisce. Tutto è pronto per la presentazione al pubblico di Coppelia, ove sono stati invitati i principali magnati dell’industria della moda e della tecnologia. Tuttavia, le formule di Coppelius non portano al risultato sperato. La sua angustia è aumentata da Betty, Rosi e Andreina, che approfittano della notte per essere regine per un giorno e da Franz che, ormai sempre più attratto dalla nuova invenzione, osa manipolare i computer del dottore.

Ciò provoca l’irruzione fugace d’un essere magico, la Diva Espectral, che dona a Coppelia emozioni, rendendola così un essere umano. Iniziando a sperimentare la propria autonomia, la nuova donna rivelerà la sua metamorfosi a Franz, a cui lui per altro aveva assistito di nascosto. Dopo un’iniziale tesa superficialità entrambi rimangono affascinati l’uno dell’altra desiderando così conoscersi meglio, fino a che vengono interrotti dal Doctor Coppelius.

ATTO II

La festa di presentazione pubblica di Coppelia, diventa l’evento principale dell’alta società. Grandi magnati ed importanti personaggi del mondo della moda si riuniscono ansiosi per conoscere questa futura fonte di nuovi guadagni, la rivoluzionaria androide capace di comportarsi come una vera donna.

Il Doctor Coppelius spera che tutto il lavoro realizzato negli anni possa finalmente rivelarsi un successo anche grazie a qualche aggiustamento dell’ultima ora. In modo sorprendente, Coppelia obbedisce alle istruzioni del ricercatore, finché abbandona il ruolo di androide, preferendo i flash di Franz, lasciandosi così guidare dai sentimenti e scatenando la collera dello scienziato.

La nuova apparizione della Diva Espectral fermerà il tempo dimostrando al Doctor Coppelius che il suo amore platonico ha smesso d’essere un sogno, convertendosi in un essere così reale da non poter essere controllato da un programma informatico.

Coppelia, ormai umanizzata, sceglierà in libertà di vivere la sua passione con Franz.

Valentina Bonelli

Valentina Bonelli, giornalista e critico di danza, è autrice di numerosi saggi sul balletto, esperta di danza e cultura russa, collabora con le testate Tutto danza, Dans e Vogue Italia.

È consulente del Festival Parma Danza del Teatro Regio di Parma.

Marius Petipa

Marius Petipa indiscusso artefice del balletto tardo romantico russo scrisse nel 1904 le sue Memorie, che offrono un affascinante scorcio dell’impero russo tra crepuscolo della cultura aristocratica zarista e i primi bagliori delle avanguardie del ‘900.

Presentazione del libro Memorie a Cura di Valentina Bonelli – Cremona (CR)

Domenica 17 aprile 2011

Teatro Ponchielli
Cremona (CR)

Valentina Bonelli, giornalista e critico di danza, è autrice di numerosi saggi sul balletto, esperta di danza e cultura russa, collabora con le testate Tutto danza, Dans e Vogue Italia.

È consulente del Festival Parma Danza del Teatro Regio di Parma.

Marius Petipa indiscusso artefice del balletto tardo romantico russo scrisse nel 1904 le sue Memorie, che offrono un affascinante scorcio dell’impero russo tra crepuscolo della cultura aristocratica zarista e i primi bagliori delle avanguardie del ‘900.

In questo volume Valentina Bonelli presenta una traduzione che in parte attinge al sopravissuto manoscritto originale conservato nell’Archivio Bachrušin e in parte alla prima edizione a stampa russa del 1906.

Memorie è edito da Gremese nella sezione Danza della piccola Biblioteca delle Arti

Corso di Danza Orientale – Napoli (NA)

Corso di “Danza Orientale” condotto da Samara, tutti i lunedì e mercoledì dalle 19.00 alle 20.30. Per maggiori informazioni contattare l’insegnante al 338 3288148 anche per richiedere una lezione di prova.

Associazione di promozione sociale OSHO No Mind
via San Filippo 8 bis
Napoli (NA)
Telefono 081 668628
info@nomind.it
www.nomind.it

Corso di Danza Orientale – Napoli (NA)

Corso di “Danza Orientale” condotto da Samara, tutti i lunedì e mercoledì dalle 19.00 alle 20.30. Per maggiori informazioni contattare l’insegnante al 338 3288148 anche per richiedere una lezione di prova.

Associazione di promozione sociale OSHO No Mind
via San Filippo 8 bis
Napoli (NA)
Telefono 081 668628
info@nomind.it
www.nomind.it

Stefania De Giosa

Esperienze lavorative 
1992-1993 – Compagnia di Balletto diretta dal coreografo Reginald Poitier per la Stagione 1993, “Song of Liberation”, Teatro Orfeo (Taranto). 
1997-1999 – Balletto della Fondazione Piccinni di Bari, direzione artistica di Grazia Galante. 
2003-2004 – Compagnia Altradanza, “Di lune e di tango”.
2007 – Anya Ison Wallace Dance Company, The Small Ballet (UK) – Tournè primaverile in Inghilterra. 

Molte performances nelle quali la danza si fondeva con altre forme artistiche come la poesia, la pittura, la scultura, video e musica.
– Come freelance insegna da molti anni propedeutica alla danza, danza classica, lyrical jazz e contemporaneo in cui si fonda l’esperienza dello studio di varie tecniche di danza moderna (soprattutto dalla Cunningham alla Horton), compresa la danza classica combinate ad una ricerca sul peso del corpo, la sospensione e la fluidità del movimento con influenze anche della tecnica Release.
– Prepara studenti per audizioni e ammissioni in scuole di danza professionali italiane ed estere (all’attivo Scala di Milano, English National Ballet, Royal Ballet School).

Alejandro Nievas maestro, ballerino e coreografo di tango,

Alejandro Nievas  maestro, ballerino e coreografo di tango, ora stabilito in Italia.
La sua metodologia riguarda soprattutto l’espressione più moderna del tango che si fonda sullo studio specifico della fisicitá.
Il tango per gli argentini non é soltanto un ballo, né una moda, bensí un universo all’interno del quale coesiste una filosofia di vita, un sentimento, la sensualitá, la tecnica, le emozioni e, quindi, la natura profonda di un popolo.
Proprio per questo il tango si é sviluppato dalle origini fino ad oggi e si puó ragionevolmente prevedere che anche in futuro, per la passione che coinvolge la nuova generazione di ballerini, la sua evoluzione non sará mai finita.
Studi
* F.I.P.D. (Maestro di tango della federazione italiana professionisti della danza) Ottenendo il punteggio massimo – 2005
* Scuola municipale di Danza “Jose Neglia” (1990 – 1993)
* Perfezionamento con: Gustavo Naveira, Mingo Pugliese, Pepito Avellaneda e altri.
* Teatro e espressione corporale

Corso di tango argentino

Corso di tango argentino col maestro Alejandro Nievas e Samanta, ore 21,00 ( è possibile assitere alla lezione )

Barlettartacademy
via dei pini,126
Barletta